Questo sito, nella presente incarnazione, vuole rappresentare una risorsa online utile (si spera!) e agile per la ricerca e la consultazione di informazioni sull’affascinante, storico e prestigioso mondo dei conservatori di musica.

Questi istituti superiori dedicati al mondo delle sette note in moltissimi casi sono ancora più antichi dello Stato italiano, essendo stati istituiti dai governi poi confluiti nel Regno d’Italia e nella Repubblica italiana: San Pietro a Majella, Santa Cecilia, il Giuseppe Verdi a Milano…

L’intenzione è di illustrare le specificità di ognuno dei maggiori, e indicare come possano convivere nel ventunesimo secolo la passione per la musica colta e classica, eseguite dal vivo o in studio di registrazione, con le nuove tecnologie. Anzi: sfruttare queste e la conoscenza, tra l’altro, di internet e di come funzionino siti per accrescere il proprio patrimonio personale per pagarsi le (costose) rette di iscrizione, l’acquisto di strumenti musicali sempre migliori e più professionali e per sovvenzionare l’accesso a spartiti, riparazioni, pezzi di ricambio come corde o ponticelli e altro ancora.

Questo sito non vuole essere solo un punto di riferimento sul world wide web destinato a chi ha già sviluppato un interesse professionale per il mondo della musica: l’ambizione è di essere informativi al punto giusto da poter coinvolgere un numero via via maggiore di giovani e giovanissimi (ma non solo: al Conservatorio si può iscrivere qualunque cittadino, di qualsiasi età!) che siano spinti dai testi che leggeranno a tentare questo percorso di studi e di vita. Infatti non bisogna dimenticare che tutti i conservatori d’Italia attraversano un momento precario a causa della crisi economica attraversata dal paese. L’unica maniera di mantenerli in salute è dunque iscriversi!