Il momento difficile dei conservatori

PKXUGTHH508-k5UE-U109048544892xC-1024x576@LaStampa.itFacendo parte dello stesso circuito delle università, i conservatori sono soggetti agli stessi tagli che colpiscono da anni anche gli atenei: anni di politiche al ribasso e riforme poco illuminate, infatti, hanno interessato anche questi centri di eccellenza, e in maniera scellerata.

Va detto che i conservatori attirano da sempre moltissimi studenti esteri, con un ricasco economico che aiuta i bilanci non solo di questi istituti ma anche delle città che li ospitano: questi ragazzi decidono di abitare in Italia, di lavorarci (fra le difficoltà ben note a chi frequenta il mondo della cultura), di pagare qui le loro tasse: una stima del Ministero della Pubblica Istruzione calcola la percentuale di questi “testardi” intorno al 10%, che vuol dire circa l’8% in più degli stranieri iscritti a qualunque altra facoltà italiana.

Ma la loro presenza non è scontata, e nemmeno sicura, e il perché inizia da una scarsa attenzione da parte dei recenti governi, che sembrano aver smesso di investire nell’istruzione musicale. Hanno stanziato meno soldi del previsto per sostenere gli studi degli studenti meritevoli (insomma, le borse di studio), e in qualche caso sono venuti meno agli impegni economici presi con gli stessi istituti.

Questo vuol dire meno risorse a disposizione delle direzioni didattiche, che chiedono a gran voce più attenzione per una delle eccellenze italiane ancora in piedi, e – fra gli altri – hanno ricordato a più riprese la riforma monca dell’ordinamento dei conservatori, ferma ormai al 1999: doveva essere temporanea e garantire la completa uniformità con gli altri atenei, ma così com’è non riconosce una grande verità, come è quella che i conservatori non sono luoghi di studio come tutti gli altri. A quale università possono iscriversi bambini di 10 anni? L’ultima grande protesta, con scioperi e manifestazioni, risale al 2016: non ha avuto molta eco, e le promesse dei politici continuano…

Post A Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *